Mediexplorer

Cuore.net

Cuore

Uno studio osservazionale ha trovato che i supplementi di Calcio possono aumentare il rischio cardiovascolare. Di contro, il calcio assunto con la dieta ha mostrato un effetto protettivo. Molte per ...


L’American College of Cardiology ( ACC ) e l’American Heart Association ( AHA ) hanno pubblicato l’aggiornamento delle linee guida sulla durata della doppia terapia antiaggregante ( DAPT ). Le linee ...


Dal Multi-Ethnic Study of Atherosclerosis ( MESA ) è emerso che il moderato consumo di tè è associato a ridotta progressione della calcificazione delle arterie coronarie e a minore incidenza di eventi ...


Uno studio caso-controllo di grandi dimensioni ha mostrato che i pazienti che hanno avuto un primo infarto miocardico avevano una maggiore probabilità di soffrire di parodontite. Dallo studio PAROKRA ...


Evolocumab ( Repatha ) è un anticorpo monoclonale che ha come target l'enzima proproteina convertasi subtilisina/kexina 9 ( PCSK9 ), che viene somministrato per via sottocutanea al dosaggio di 140 mg ...


Un ampio studio prospettico basato sulla popolazione ha mostrato che gli uomini che quotidianamente avevano consumato due o più bevande zuccherate, presentavano un rischio maggiore di scompenso cardia ...


La Vitamina-D alleata della salute del cuore: non solo la sua carenza è associata a un aumentato rischio di infarto miocardico e insufficienza cardiaca acuta, ma ne peggiora anche gli esiti e le conse ...


I nuovi dati ottenuti dal Registro ADAPT-DES hanno mostrato che l'uso degli antiacidi noti come inibitori della pompa protonica ( PPI ) da parte dei pazienti sottoposti a intervento coronarico percuta ...


Analizzando più di 16.000 infarti del miocardio che sono stati trattati nella zona di Salt Lake City nello Utah ( USA ) nel periodo 1993-2014, i ricercatori hanno trovato una significativa associazio ...


Le persone che dormono meno di sei ore a notte sono a maggior rischio di manifestare diabete, malattie cardiache e ictus. Lo studio ha preso in esame circa 2.600 adulti per più di due anni e ha sco ...


In uno studio che ha coinvolto persone di età compresa tra 18 e 45 anni con ipertensione di stadio 1 non-trattata, i bevitori moderati di caffè che bevevano da uno a tre caffè espresso al giorno aveva ...


Una sottoanalisi dello studio PEGASUS-TIMI 54, che ha valutato l'efficacia di Ticagrelor ( Brilinta, Brilique ) nel ridurre gli eventi aterotrombotici nei pazienti che hanno subito un infarto miocardi ...


L'aggiunta di antagonisti dei recettori mineralcortoidi ( MRA ) alla terapia standard non offre alcun beneficio nei pazienti con infarto miocardico acuto ( MI ) senza insufficienza cardiaca, secondo l ...


Il farmaco immunosoppressore Ciclosporina non migliora gli esiti clinici rispetto al placebo nei pazienti trattati con intervento coronarico percutaneo ( PCI ) per la forma più grave di attacco cardia ...


Gli alti livelli di acido urico sono in grado di predire in modo indipendente gli eventi avversi cardiovascolari e la mortalità nelle donne in postmenopausa. L'effetto è risultato più pronunciato per ...


Da uno studio è emerso che i pazienti pediatrici con sindrome del QT lungo, in trattamento con farmaci per il disturbo da deficit di attenzione / iperattività ( ADHD ) sono ad aumentato rischio di eve ...


I dati di una meta-analisi condotta in Italia hanno mostrato che gli anticoagulanti orali diretti possono essere sicuri ed efficaci come gli anticoagulanti convenzionali nella prevenzione del tromboem ...


La prevalenza di trombi intracardiaci è risultata più bassa nei pazienti con fibrillazione e flutter atriale ad alto rischio trattati con anticoagulanti orali diretti rispetto al Fenprocumone, un anti ...


I pazienti con arresto cardiaco extra-ospedaliero sottoposti a gestione mirata della temperatura corporea a 33°C oppure a 36°C hanno presentato funzioni cognitive e qualità di vita simili. E’stato ...


Il valore della Aspirina ( Acido acetilsalicilico ) nella prevenzione primaria del cancro e delle malattie cardiovascolari rimane non ben definito. L'obiettivo di uno studio è stato quello di ident ...


L’anticoagulante Warfarin ( Coumadin ) riduce il rischio di ictus nei pazienti con fibrillazione atriale e malattia renale avanzata. La fibrillazione atriale è il tipo più comune di ritmo cardiaco ...


Uno studio clinico di ampie dimensioni, effettuato in Giappone, non ha evidenziato nell’arco di 5 anni alcuna associazione tra l’assunzione una volta al giorno, di Acido Acetilsalicilico ( Aspirina ) ...


Le persone che assumono farmaci anticoagulanti per la fibrillazione atriale e fanno anche uso di farmaci antinfiammatori ( FANS ), anche per breve periodo ( due settimane ), hanno maggiori probabilità ...


Gli studi che indagano il ruolo del consumo di alcol nello sviluppo dell’aneurisma dell'aorta addominale ( AAA ) sono scarsi. Sono state esaminate le associazioni tra consumo di alcol totale e speci ...


La malattia cardiovascolare è una delle più comuni malattie legate all'età, e anche una delle più comuni cause di morte nella popolazione generale. È stata valutata l'ipotesi che i segni visibili le ...


L’Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA ( Food and Drug Administration ) ha chiesto a Sanofi e a Regeneron Pharmaceuticals di valutare gli effetti collaterali neurocognitivi del farmaco speriment ...


Non è ben definito il grado di cambiamento della attività fisica per modificare il rischio di malattia cardiovascolare nei soggetti ad alto rischio. Uno studio ha valutato se l’attività fisica al ...


In uno studio, quasi il 20% dei pazienti che hanno sofferto di un infarto non-STEMI e che avevano una malattia coronarica trivasale o una malattia dell’arteria coronaria principale di sinistra, sono s ...


I pazienti con insufficienza cardiaca con diagnosi di depressione presentano un rischio, quattro volte maggiore di mortalità per qualsiasi causa e un rischio due volte più elevato di ospedalizzazione ...


Uno studio prospettico, longitudinale, di coorte basato sulla popolazione di donne svedesi, ha valutato la relazione tra assunzione di calcio e la mortalità cardiovascolare. Dallo studio è emerso che ...


Gli uomini con disfunzione erettile anche lieve, ma apparentemente senza problemi cardiaci, sono a rischio di sviluppare, in futuro, malattie cardiovascolari. Tra gli uomini di 45 anni e oltre, se ...


Come le statine, gli n-3 PUFA ( anche noti come Acidi grassi Omega-3 ) hanno un’azione antinfiammatoria e antiossidante e migliorano la funzionalità endoteliale. Inoltre, in studi sperimentali, gli ...


Il nuovo inibitore orale del fattore Xa, Edoxaban ( Lixiana, Savaysa ), è risultato efficace quanto il Warfarin ( Coumadin ) nel prevenire l’ictus nei pazienti con fibrillazione atriale non-valvolare ...


La doppia terapia antiaggregante ha un ruolo primario nella gestione a lungo termine dei pazienti dopo una sindrome coronarica acuta. Tuttavia, la mortalità di questi pazienti rimane alta nonostante l ...


Diversi studi retrospettivi hanno cercato di chiarire se la fibrillazione atriale ( FA ) pre-operatoria rappresenti un fattore di rischio per un esito meno-favorevole. Uno studio retrospettivo di gran ...


I test della troponina cardiaca ad alta sensibilità hanno permesso di identificare differenze nell’intervallo normale di riferimento dei valori di troponina cardiaca tra gli uomini e le donne. Le attu ...


La terapia di resincronizzazione cardiaca ( CRT ), una terapia standard per i pazienti con insufficienza cardiaca con ampia durata del QRS, non ha offerto alcun beneficio per i pazienti con una durata ...


L’analisi combinata di tre grandi studi di coorte ha mostrato che una storia di calcoli renali predice gli eventi coronarici nelle donne, indipendentemente dalla assunzione di Calcio nella dieta e di ...


Una revisione sistematica e una meta-analisi hanno valutato l'effetto di una ridotta assunzione di sodio sulla pressione sanguigna, sulle malattie cardiovascolari correlate e i potenziali effetti nega ...


Dallo studio ATLAS ACS 2-TIMI 51 è emerso che la somministrazione di 2.5 mg di Rivaroxaban ( Xarelto ), due volte al giorno, può ridurre i tassi di trombosi dello stent e di mortalità tra i pazienti c ...


Uno studio ha esaminato 37.017 pazienti del Danish National Patient Register, inseriti con prima diagnosi di sincope, e 185.085 controlli ( età media, 47 anni ). Più dell'8% dei pazienti con sincop ...


I pazienti con fibrillazione atriale hanno un aumentato rischio di declino cognitivo e funzionale, anche quando non hanno avuto un ictus. I risultati dello studio dei ricercatori della McMaster Uni ...


I soggetti con maggiori livelli urinari di Bisfenolo A ( BPA ) hanno un elevato rischio di malattia coronarica in età avanzata. Ricercatori del Peninsula College of Medicine and Dentistry di Exeter ...


Merck ha annunciato l’intenzione di presentare domanda per l'approvazione di Vorapaxar in una indicazione più ristretta di quanto originariamente previsto, sulla base dei nuovi dati di una analisi pre ...


Una ricerca, compiuta da ricercatori dell’Università di Siena ( Italia ), ha evidenziato che il consumo di bevande energetiche può esercitare effetti positivi sulle prestazioni del miocardio. La p ...


Il Selenio e il Coenzima Q10 sono essenziali per la cellula. Bassi contenuti cardiaci di Selenio e di Coenzima Q10 sono stato dimostrati nei pazienti con cardiomiopatia, ma sono stati pubblicati risul ...


La denervazione simpatica delle arterie renali mediante ablazione rappresenta oggi uno strumento clinicamente efficace e sicuro per il trattamento dei pazienti con ipertensione arteriosa resistente.La ...


L’impiego delle statine appare associato a un più basso rischio di mortalità correlato al tumore.Le statine, anche note come inibitori del HMG-CoA reduttasi, sono ampiamente utiliz ...


Lo studio PSH II ( Physicians 'Health Study II ) ha mostrato che le persone anziane che assumono ogni giorno un multivitaminico non presentano alcun beneficio riguardo alla prevenzione cardiovascolare ...


Meno del 10% dei pazienti eleggibili con infarto del miocardio e ridotta frazione di eiezione riceve una terapia di inibizione dell’aldosterone al momento della dimissione ospedaliera, nonostant ...