Cardiobase
Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

L'inibizione genetica della HMG-CoA reduttasi, che mima l'azione delle statine, può aumentare il rischio di cataratta


L'inibizione genetica dell'enzima HMG-CoA reduttasi, uno stato che mima l'uso delle statine a lungo termine, è associata a un maggior rischio di sviluppare cataratta rispetto agli individui senza inibizione genetica.

Da uno studio è emerso che gli individui con una variante particolarmente rara di inibizione genetica dell'HMG-CoA reduttasi presentano un rischio cinque volte maggiore di sviluppare cataratta e di necessitare di un intervento chirurgico per cataratta, rispetto ai non-portatori di questa variante.

I ricercatori hanno utilizzato i dati di genotipizzazione e di sequenziamento dell'esoma di oltre 402.000 individui non-imparentati, presenti nella UK BioBank, che non stavano assumendo una statina; costruito un punteggio di rischio genetico HMGCR costituito da varianti comuni associate a LDL; e analizzato i dati di sequenziamento dell'esoma per identificare gli individui con mutazioni con perdita di funzione della HMG-CoA reduttasi.

L'obiettivo dello studio era quello di valutare l'associazione tra l'inibizione genetica di HMG-CoA reduttasi e il rischio di sviluppare la cataratta e di subire un intervento chirurgico per la cataratta.

I ricercatori hanno osservato che ciascuna riduzione di 38.7 mg/dL ( 1 mmol/L ) di LDL dovuta all'inibizione genetica della HMG-CoA reduttasi era associata a un aumento del rischio di cataratta ( odds ratio, OR=1.14; IC 95%, 1-1.39; P = 0.045 ) e di ricorso a chirurgia per la cataratta ( OR = 1.25; IC 95%, 1.06-1.48; P = 0.009 ).

Della coorte complessiva, 169.172 individui avevano dati di sequenziamento della HMG-CoA reduttasi; tra questi lo 0.02% trasportava una rara variante di perdita di funzione per l'HMG-CoA reduttasi.

Rispetto ai non-portatori della variante, i portatori hanno sperimentato un rischio maggiore di sviluppare cataratta ( OR=4.54; IC 95%, 1.96-10.53; P = 0.001 ) e di subire un intervento chirurgico per la cataratta ( OR = 5.27; IC 95%, 2.27-12.25; P = 0.000537 ).

Non è stata riportata alcuna associazione significativa tra l'inibizione genetica di PCSK9 ( Proprotein Convertase Subtilisin/Kexin type 9 ), NPC1L1 ( Niemann-Pick C1-Like 1 ) o livelli di LDL circolanti e rischio di cataratta ( P per tutti maggiore di 0.05 ). ( Xagena2022 )

Fonte: Journal of American Heart Association, 2022

Endo2022 Cardio2022 Farma2022


Indietro