Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

L’elevato apporto di calcio associato a raddoppio della mortalità


Uno studio prospettico, longitudinale, di coorte basato sulla popolazione di donne svedesi, ha valutato la relazione tra assunzione di calcio e la mortalità cardiovascolare.
Dallo studio è emerso che i tassi elevati di assunzione di calcio erano associati a una maggiore mortalità per qualsiasi causa e mortalità cardiovascolare, ma non a decessi per ictus.

La coorte, costituita nel periodo 1987-1990, consisteva di 61.433 donne nate tra il 1914 e il 1948.

Durante il periodo di follow-up di 19 anni, ci sono stati 11.944 decessi per qualsiasi causa, di cui 3.862 di origine cardiovascolare, 1.932 per cardiopatia ischemica, e 1.100 da ictus.

Per 38.984 donne erano disponibili le valutazioni alimentari da questionari di frequenza alimentare al basale e nel 1997.

Le più alte assunzioni di calcio ( superiori a 1400 mg/die ) sono risultate associate a un maggior rischio di mortalità per qualsiasi causa ( dopo aggiustamento per età, energia totale, assunzione di Vitamina-D e Calcio, e di altri fattori alimentari, fisici e demografici ), rispetto alle assunzioni di 600-1000 mg/die ( hazard ratio, HR=1.40 ).

I rischi di mortalità malattia-specifici sono risultati elevati per la malattia cardiovascolare ( HR=1.49 ) e per la cardiopatia ischemica ( HR=2.14 ) con l’assunzione di calcio in misura superiore a 1400 mg/die.
Anche l’assunzione di Calcio a una dose superiore a 600 mg/die era associata a rischi di mortalità elevati. Non sono stati invece riscontrati aumenti di mortalità per ictus.

Le donne con la più alta assunzione di calcio ( superiore a 1400 mg/die ) che hanno fatto uso di integratori hanno presentato un aumento di 2.5 volte del decesso per qualsiasi causa, rispetto alle donne con una simile assunzione totale ma senza impiego di un integratore ( HR=2.57 ).

I livelli sierici di calcio sono sotto stretto controllo omeostatico, e normalmente non sono correlati con la quantità di assunzione di calcio.
Tuttavia, assunzioni molto basse o molto alte sono in grado di superare il controllo, causando cambiamenti nei livelli ematici di calcio o degli ormoni calciotropi.

L'evidenza che emerge da questo studio suggerisce cautela riguardo all’elevato apporto di calcio.
Una meta-analisi di studi clinici randomizzati ha, inoltre, dimostrato che la supplementazione di Calcio aumenta il tasso di frattura dell'anca.
Pertanto, i soggetti con una normale dieta variata dovrebbero evitare l'uso di supplementi di Calcio. ( Xagena2013 )

Fonte: British Medical Journal, 2013

Cardio2013 Endo2013



Indietro