52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
XagenaNewsletter

La pandemia di COVID-19 ha aumentato i casi di arresto cardiaco extraospedaliero e le morti a New York City


La pandemia COVID-19 a New York City ha provocato un'ondata di arresti cardiaci extraospedalieri e decessi, secondo uno studio condotto dai ricercatori dell'Albert Einstein College of Medicine, Montefiore Health System, e Fire Department of the New York ( FDNY ).

Lo studio, pubblicato su JAMA Cardiology, ha riscontrato un aumento di tre volte dei casi di arresto cardiaco non-traumatico extraospedaliero nel periodo marzo-aprile 2020 rispetto allo stesso periodo del 2019.
Il giorno peggiore ( 6 aprile ) gli arresti cardiaci hanno raggiunto il picco di 305 casi, con un aumento di quasi 10 volte rispetto allo stesso giorno dell'anno precedente.
Anche il tasso di mortalità per i casi di arresto cardiaco è aumentato, dal 75% nel 2019 a oltre il 90% nello stesso periodo nel 2020.

Relativamente pochi pazienti sono stati testati per confermare la presenza di COVID-19, quindi i ricercatori non sono stati in grado di distinguere tra arresti cardiaci attribuibili a COVID-19 e quelli che potrebbero essere derivati da altre condizioni di salute.
Inoltre, non si può escludere la possibilità che alcune persone siano decedute a causa di ritardi nella ricerca o nel trattamento di condizioni non-correlate a COVID-19.

Tuttavia, il drammatico aumento degli arresti cardiaci rispetto allo stesso periodo del 2019, ha indicato che la pandemia è stata direttamente o indirettamente responsabile di questo forte aumento di arresti cardiaci e decessi.

Lo studio ha utilizzato i dati del sistema dei servizi medici di emergenza ( EMS ) di New York City, destito da FDNY.
Il servizio EMS interessa una popolazione di oltre 8.4 milioni di persone e risponde a oltre 1.5 milioni di chiamate ogni anno.
I dati sono stati analizzati per pazienti di età pari o superiore a 18 anni con arresto cardiaco extraospedaliero sottoposti a rianimazione EMS dal 1° marzo 2020 ( quando il primo caso di COVID-19 è stato diagnosticato a New York City ) fino al 25 aprile 2020 ( quando il volume delle chiamate EMS era tornato ai livelli pre-COVID-19 ). Per confronto, i dati sugli arresti cardiaci sono stati analizzati anche per lo stesso periodo del 2019.

Tra il 1 marzo e il 25 aprile 2020, 3.989 pazienti sono stati sottoposti a tentativi di rianimazione EMS per arresti cardiaci extraospedalieri, rispetto ai 1.336 pazienti che sono stati trattati durante questo periodo nel 2019.

Rispetto agli arresti cardiaci avvenuti nel 2019, gli arresti cardiaci che si sono verificati durante la pandemia sono stati associati a diversi fattori di rischio.
In media, i pazienti del 2020 erano: più anziani ( età media di 72 vs 68 anni per i pazienti con arresto cardiaco del 2019 ); meno probabilità di essere bianchi ( 20% versus 33% ); più probabilità di avere ipertensione ( 54% vs 46% ); più probabilità di avere il diabete ( 36% vs 26% ); più probabilità di avere limitazioni fisiche ( 57% vs 48% ); più probabilità di avere ritmi cardiaci che non-responder agli shock del defibrillatore ( 92% vs 81% ); più probabilità di morire ( 90% vs 75% ).

Oltre a causare polmonite e insufficienza respiratoria acuta, COVID-19 danneggia il rivestimento dei vasi sanguigni, portando alla formazione di coaguli ematici che possono scatenare infarti del miocardio anche in persone senza precedenti malattie cardiopolmonari. ( Xagena2020 )

Fonte: Albert Einstein College of Medicine, 2020

Cardio2020 Inf2020



Indietro