Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

La disfunzione erettile risulta correlata a futuri eventi cardiovascolari


Uno studio ha dimostrato che la disfunzione erettile è indipendentemente associata al rischio di futuri eventi cardiovascolari.

Analizzando i dati dello studio MESA ( Multi-Ethnic Study of Atherosclerosis ) è stato scoperto che gli uomini con disfunzione erettile presentavano un aumentato rischio sia per la malattia coronarica sia per gli eventi cardiovascolari in un periodo di follow-up di 3.8 anni.

Questi risultati rafforzano le evidenze esistenti riguardo all'associazione indipendente tra disfunzione erettile e malattia cardiovascolare incidente e potrebbero avere importanti implicazioni per la stratificazione del rischio negli uomini di mezza età.

La disfunzione erettile e la malattia cardiovascolare condividono fattori di rischio comuni, tra cui obesità, ipertensione, sindrome metabolica, diabete mellito e fumo.
Hanno anche comuni meccanismi patologici alla base, come la disfunzione endoteliale, l'infiammazione e l'aterosclerosi.

Tuttavia, nonostante queste strette relazioni, le evidenze riguardo alla disfunzione erettile come un predittore indipendente di futuri eventi cardiovascolari, sono limitate.

L' analisi è stata effettuata sui dati di MESA, uno studio di coorte prospettico multicentrico, etnicamente diversificato, basato sulla comunità, che ha preso in esame il valore della disfunzione erettile auto-riferita nella previsione della coronaropatia e della malattia cardiovascolare nei partecipanti che, al basale, non manifestavano malattia cardiovascolare.

Lo studio ha riguardato 1914 partecipanti di sesso maschile che avevano partecipato alla visita 5 di MESA e hanno risposto a una domanda sui sintomi della disfunzione erettile nel questionario del MMAS ( Massachusetts Male Aging Study ).
I sintomi della disfunzione erettile sono stati segnalati da 877 partecipanti ( 45.8% ).

155 partecipanti sono stati esclusi perché avevano sofferto di un evento cardiovascolare prima della visita 5.

In totale 1757 che sono stati seguiti per 3.8 anni per eventi coronarici, tra cui infarto miocardico, arresto cardiaco rianimato e morte coronarica ed eventi cardiovascolari, tra cui tutti gli eventi coronarici più ictus non-fatale e ictus fatale.

Nell'arco di 3.8 anni di follow-up, ci sono stati un totale 40 eventi coronarici e 75 eventi cardiovascolari.
Una percentuale significativamente più alta di coloro che hanno segnalato di soffrire di disfunzione erettile, ha presentato un evento coronarico o cardiovascolare rispetto a quelli che non presentavano sintomi.

In modelli di rischio proporzionale di Cox non-rettificati, la disfunzione erettile era un predittore significativo sia degli eventi coronarici sia degli eventi cardiovascolari, ma dopo aggiustamento per diversi fattori la disfunzione erettile è rimasta un predittore significativo solo degli eventi cardiovascolari.

Un limite dello studio era l'impossibilità a distinguere tra tipi vascolari e non-vascolari di disfunzione erettile.
Inoltre, il follow-up è stato solo di 3.8 anni. ( Xagena2018 )

Fonte: Circulation, 2018

Cardio2018 Uro2018



Indietro