52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

La diagnosi primaria di sincope predice futuri eventi avversi


Uno studio ha esaminato 37.017 pazienti del Danish National Patient Register, inseriti con prima diagnosi di sincope, e 185.085 controlli ( età media, 47 anni ).

Più dell'8% dei pazienti con sincope e il 7.1% dei controlli sono morti, con un tasso di 14.3 eventi per 1.000 anni-persona nella popolazione con sincope.

Dall'analisi multivariata di regressione di Cox, è emerso un aumento significativo del rischio di: mortalità per qualsiasi causa ( hazard ratio, HR=1.06 ); ospedalizzazioni per cause cardiovascolari ( tasso di eventi di 2.5 per 1000 anni-persona ); sincope ricorrente ( tasso di eventi del 45.1 per 1.000 anni-persona ); ictus ( tasso di eventi del 6.8 per 1000 anni-persona ) ed eventi da pacemaker o defibrillatore cardioverter impiantabile [ ICD ] ( tasso di eventi di 4.2 per 1000 anni-persona ).

Dallo studio è emerso un aumento significativo del rischio di mortalità nel gruppo di età 25-44 anni.
I ricercatori hanno ipotizzato che questo gruppo di pazienti possa essere sottostimato in termini di non-riconosciuta malattia cardiovascolare associata a prognosi non-favorevole. ( Xagena2012 )

Fonte: Journal of American College of Cardiology, 2012

Cardio2012



Indietro