Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Impiego dei beta-bloccanti negli anziani con diabete mellito dopo infarto miocardico


Uno studio ha dimostrato che i beta-bloccanti come Carvedilolo, Nebivololo e Labetalolo sono associati a un minor numero di ospedalizzazioni per iperglicemia, ma a una maggiore incidenza di riospedalizzazioni per qualsiasi causa tra i residenti di case di cura con diabete mellito e recente infarto miocardico acuto.

Utilizzando i dati di Medicare per il periodo 2007-2010, è stato condotto uno studio retrospettivo di coorte sui residenti di case di cura di lungo periodo con diabete mellito di tipo 2 ai quali erano stati prescritti beta-bloccanti compatibili con il diabete ( Carvedilolo, Nebivololo e Labetalolo ) rispetto ai beta-bloccanti non-indicati per il diabete ( Atenololo, Bisoprololo e Metoprololo ), dopo aver subito un infarto miocardico acuto.
Gli effetti dei beta-bloccanti sono stati definiti come compatibili o incompatibili in base alle proprietà di vasodilatazione.

Su 15.720 residenti di case di cura, 8953 ( 56.9% ) erano stati avviati al trattamento con un beta-bloccante dopo infarto miocardico acuto.
Tra questi pazienti il 59.9% soffriva di diabete mellito di tipo 2. Inoltre, il 29% ( n = 815/2855 ) con diabete mellito di tipo 2 aveva iniziato ad assumere un beta-bloccante compatibile con lo stato diabetico.

I residenti della casa di cura a cui erano stati prescritti i beta-bloccanti compatibili con il diabete hanno mostrato una probabilità significativamente più bassa di ospedalizzazione per iperglicemia rispetto ai pazienti trattati con beta-bloccanti incompatibili con il diabete ( odds ratio [ OR ] 0.45, IC 95%: 0.21-0.97 ).

Non è stato osservato alcun impatto sull'ipoglicemia.

Non sono state riscontrate differenze significative tra i beta-bloccanti correlati al declino funzionale, al decesso o al ricovero per fratture.
Tuttavia, i residenti di casa di cura a cui erano stati prescritti i beta-bloccanti compatibili con il diabete hanno presentato un aumento significativo delle ri-ospedalizzazioni per qualsiasi causa ( OR=1.26, IC 95%: 1.01-1.57 ).

Dallo studio è emerso che i beta-bloccanti compatibili con il diabete sono risultati associati a una riduzione dell'ospedalizzazione per iperglicemia, ma a un aumento della riospedalizzazione per qualsiasi causa.
Dato che oltre alla riospedalizzazione per qualsiasi causa, i beta-bloccanti compatibili con il diabete possono anche essere associati ad altri effetti dannosi che non sono stati presi in esame in questo studio; pertanto,non dovrebbero essere preferenzialmente prescritti nonostante il loro potenziale vantaggio riguardo al controllo glicemico. ( Xagena2018 )

Fonte: Diabetes, Obesity & Metabolism, 2018

Cardio2018 Endo2018 Farma2018


Indietro