Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Il dosaggio di Aspirina influisce sull'effetto di Ticagrelor nella sindrome coronarica acuta


Un'analisi dello studio PLATO ( Platelet Inhibition and Patient Outcomes ) ha mostrato che l'antiaggregante piastrinico Ticagrelor ( Brilinta; in Italia: Brilique ) sia più efficace nel prevenire la mortalità cardiovascolare, l'infarto miocardico, o l'ictus nei pazienti con sindrome coronarica acuta se abbinato ad Acido Acetilsalicilico ( Aspirina ) a basso dosaggio rispetto all’alto dosaggio.

Lo studio PLATO, pubblicato nel 2009, aveva assegnato in modo casuale più di 18.000 pazienti al trattamento con Ticagrelor alla dose di carico di 180 mg, e successivamente alla dose di 90 mg due volte al giorno; o a Clopidogrel ( Plavix ) alla dose di carico di 300-600 mg, e successivamente alla dose di 75 mg al giorno, per un periodo medio di follow-up di 12 mesi. Tutti i pazienti hanno anche assunto Aspirina.

In tutto, il 9.8% dei pazienti assegnati a Ticagrelor ha raggiunto l'endpoint composito di mortalità cardiovascolare, infarto miocardico, o ictus, rispetto all’11.7% dei pazienti a cui era stato somministrato Clopidogrel ( hazard ratio, HR=0.84, p inferiore a 0.001 ).

Tuttavia, una sottoanalisi ha rivelato che vi era una associazione tra il trattamento con Ticagrelor e la regione geografica di provenienza ( p=0.045 ), con una minore efficacia riscontrata tra i pazienti del Nord America.

Nello studio è stata esaminata questa interazione confrontando 1.413 pazienti dello studio PLATO negli Stati Uniti con i 17.211 pazienti dello studio PLATO nel resto del mondo.

Due gruppi statistici indipendenti hanno rilevato che non c'era differenza nel modo con cui era stato condotto la studio negli Stati Uniti e nel resto del mondo.
I pazienti negli Stati Uniti avevano tassi di aderenza minori e maggiori tassi di discontinuità rispetto agli altri Paesi, ma questi tassi erano coerenti tra il gruppo Ticagrelor e quello Clopidogrel negli Stati Uniti.

Una maggiore percentuale dei pazienti statunitensi, pari al 53.6%, assumeva contemporaneamente alte dosi di Aspirina ( media, 300 mg/giorno o valore superiore ), rispetto ai pazienti di altri luoghi ( 1.7% ).
Un'ulteriore analisi ha mostrato che su 37 variabili considerate tra cui il peso corporeo, l'uso di stent e il diabete mellito, l'Aspirina era l'unica a rappresentare una porzione significativamente importante ( 80-100 % ) della interazione osservata a livello regionale.

Le analisi dei pazienti al di fuori degli Stati Uniti nello spazio di tempo che andava dalla randomizzazione a 180 giorni hanno dimostrato che Ticagrelor era associato a tassi statisticamente inferiori dell'endpoint composito nei pazienti che assumevano Aspirina a basse dosi, rispetto a quelli trattati con Clopidogrel.

Un'analisi aggregata per tutte le coorti ha evidenziato che l’attività del Clopidogrel veniva favorita da un dosaggio di Aspirina superiore o uguale a 300 mg, mentre Ticagrelor con un dosaggio di Aspirina inferiore o uguale a 100 mg.
Clopidogrel ha avuto tassi di eventi simili tra i pazienti trattati con basse o alte dosi di Aspirina.

In conclusione, nei pazienti con sindrome coronarica acuta, Ticagrelor e Aspirina a basso dosaggio di mantenimento è probabilmente associato ad un esito più favorevole. ( Xagena2011 )

Fonte: Circulation, 2011


Cardio2011 Farma2011


Indietro