Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

I livelli di omocisteina migliorano la capacità di prevedere il rischio cardiovascolare


La stratificazione del rischio delle malattie cardiovascolari risulta migliorata in modo significativo con l'aggiunta del livello di omocisteina al punteggio di rischio Framingham.

Un livello di omocisteina superiore a 15 micromol/l ha previsto un aumento del rischio di malattia cardiovascolare del 172% tra due coorti differenti.
In particolare, l'aggiunta di omocisteina ai fattori di rischio tradizionali ha portato alla riclassificazione di circa il 20% dei pazienti nella categoria di rischio intermedio.

I fattori di rischio tradizionali rappresentano una maggioranza di rischi cardiovascolari, ma una minoranza consistente di eventi rimane non completamente spiegata.
Nel tentativo di affinare la previsione del rischio, sono stati esaminati numerosi fattori non-tradizionali, in particolare biomarcatori, come la proteina C-reattiva ( CRP ), il calcio coronarico e i livelli di omocisteina.

Studi sulla omocisteina come fattore di rischio cardiovascolare hanno dato risultati contraddittori.
Inoltre, studi precedenti si sono concentrati in gran parte sulle popolazioni caucasiche e su pazienti con preesistente malattia cardiovascolare.

Ad oggi, nessuno studio ha esplorato sistematicamente il valore predittivo della omocisteina al di là dei rischi esistenti previsti dal punteggio di rischio Framingham ( in particolare in soggetti senza malattia cardiovascolare conclamata ), o ha valutato se il livello di omocisteina possa contribuire alla riclassificazione degli individui nella categoria di rischio intermedio secondo il punteggio di rischio Framingham.

Per affrontare i limiti degli studi precedenti, è stato esaminato il valore di previsione del rischio della omocisteina in due insiemi di dati: il Multi-Ethnic Study di Atherosclerosis ( MESA ), una coorte etnicamente diversificata di adulti sani, e il Third National Health and Nutrition Examination Survey ( NHANES III ), un campione rappresentativo della popolazione statunitense.

Sono state esaminate le potenziali associazioni tra omocisteina e la malattia cardiovascolare composita e gli eventi coronarici in MESA, e la mortalità da malattia cardiovascolare e coronarica nello studio NHANES III.

Una patologia cardiovascolare composita comprende infarto miocardico, arresto cardiaco resuscitato, angina, ictus, morte per ictus, morte per malattia coronarica, altre cause aterosclerotiche di morte e altre cause di morte cardiovascolare.
Un evento coronarico è stato definito come infarto miocardico, arresto cardiaco resuscitato, o morte per malattia coronarica.

Le stime di rischio per MESA erano basate su 6 anni di follow-up.
Il punteggio di rischio Framingham ( basato sul rischio a 10 anni ) è stato aggiustato per ottenere il rischio stimato a 6 anni. I pazienti sono stati assegnati a quattro categorie di rischio: molto basso, inferiore a 3%; basso, da 3% a inferiore a 6%; intermedio, da 6% a 12%, e alto, superiore a 12%.

I dati dello studio NHANES erano basati su 15 anni di follow-up, e sono stati regolati per ottenere le stime di rischio a 10 anni: molto basso, inferiore a 5%, basso, da 5% a inferiore a 10%, intermedio, da 10% a inferiore a 20% e alto, superiore a 20%.

L’analisi finale ha riguardato 6.450 partecipanti dal MESA e 6.797 partecipanti dallo studio NHANES III.

Dopo aggiustamento per i tradizionali fattori di rischio e per la proteina C-reattiva, un livello di omocisteina superiore a 15 micromol/l era associato a un hazard ratio ( HR ) di: 1.79 per patologia cardiovascolare composita ( P=0.006 ); 2.22 per gli eventi coronarici ( P= 0.01); 2.72 per la mortalità cardiovascolare ( P inferiore a 0.001 ); 2.61 per la mortalità coronarica ( P inferiore a 0.001 )

Se aggiunta al punteggio di rischio Framingham, l’omocisteina ha portato alla riclassificazione del 12.9% e 18.3% delle coorti MESA e NHANES III globalmente e alla riclassificazione del 21.2% e 19.2% dei pazienti a rischio intermedio nelle coorti MESA e NHANES III, rispettivamente.

Sono stati anche analizzati i dati per mezzo dell’indice NRI ( Net Reclassification Improvement ), utilizzando il punteggio di rischio Framingham con e senza omocisteina.
L'aggiunta di omocisteina ha portato a una significativa riclassificazione nelle coorti MESA ( NRI 0.35, P inferiore a 0.001 ) e NHANES III ( NRI 0.57, P inferiore a 0.001 ).

Le analisi hanno mostrato un aumento dell'area sotto la curva ROC ( Receiver Operating Characteristic ) di 0.025, indicativo di un aumento del 2.5% nella probabilità di un evento e di un miglioramento del 2.5%. ( Xagena2011 )

Fonte: Journal of American College of Cardiology, 2011

Cardio2011 Diagno2011



Indietro