Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Gli Acidi grassi Omega-3 e la Vitamina-D associati a limitato beneficio nella prevenzione della malattia cardiovascolare


Due studi clinici hanno mostrato che gli Acidi grassi Omega-3 e la Vitamina-D non riducono in modo significativo i principali eventi cardiovascolari o l'incidenza di tumore.

JoAnn E. Manson del Brigham and Women's Hospital di Boston ( Stati Uniti ) e colleghi hanno condotto uno studio randomizzato sulla Vitamina D3 e sugli Acidi grassi marini n-3 nella prevenzione primaria delle malattie cardiovascolari e del cancro tra 25.871 adulti.

Un evento cardiovascolare maggiore si è verificato in 386 e in 419 partecipanti, rispettivamente, nei gruppi n-3 e placebo ( hazard ratio [ HR ], 0.92, intervallo di confidenza al 95% [ IC ], 0.80-1.06, P = 0.24 ).

Il tumore invasivo è stato diagnosticato in 820 e in 797 partecipanti, rispettivamente ( HR=1.03, IC 95%, 0.93-1.13, P = 0.56 ).

Nelle analisi degli endpoint secondari, si è registrata una riduzione significativa dell'infarto miocardico totale ( HR=0.72, IC 95%, 0.59-0.90 ).

In un secondo studio, Manson e colleghi hanno riportato i risultati di un confronto tra Vitamina-D e placebo.

Il tumore è stato diagnosticato in 793 e in 824 partecipanti nei gruppi Vitamina-D e placebo, rispettivamente ( HR=0,96, IC 95%, 0.88-1.06, P = 0.47 ).

Un evento cardiovascolare maggiore si è verificato in 396 e in 409 partecipanti, rispettivamente ( HR=0.97, IC 95%, 0.85-1.12, P = 0.69 ). ( Xagena2018 )

Fonte: Annual Meeting of American Heart Association ( AHA ), 2018

Cardio2018 Farma2018


Indietro