Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

ESC 2019 - Studio ISAR-REACT 5, Prasugrel riduce gli eventi ischemici nei pazienti con sindrome coronarica acuta


Prasugrel ( Efient ) è superiore a Ticagrelor ( Brilique ) nel ridurre gli eventi ischemici nei pazienti con sindrome coronarica acuta e una strategia invasiva pianificata.
I risultati della sperimentazione ISAR-REACT 5 sono stati presentati al Congresso ESC 2019 e pubblicati su The New England Journal of Medicine ( NEJM ).
Non vi è stato alcun aumento del tasso di sanguinamento maggiore con Prasugrel.

Nelle sindromi coronariche acute, un doppio regime antipiastrinico con un antagonista del recettore P2Y12 più Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) è il caposaldo di trattamento.
Prasugrel e Ticagrelor hanno prodotto una inibizione piastrinica maggiore e più rapida, rispetto al loro predecessore Clopidogrel ( Plavix ).
Entrambi i farmaci sono raccomandati dopo intervento coronarico percutaneo ( PCI ) nei pazienti con sindrome coronarica acuta con e senza sopraslivellamento del segmento ST ( STEMI e NSTE-ACS, rispettivamente ).
Lo studio ISAR-REACT 5 ha testato l'ipotesi che Ticagrelor fosse superiore a Prasugrel nel ridurre l'endpoint composito primario di morte, infarto del miocardio o ictus nell'arco di 12 mesi nei pazienti con sindrome coronarica acuta destinati a una strategia invasiva.

Un totale di 4.018 pazienti sono stati arruolati in 23 Centri in Germania e in Italia, e assegnati in modo casuale a Prasugrel o Ticagrelor.

I pazienti assegnati a Ticagrelor hanno ricevuto, il prima possibile, una dose di carico dopo la randomizzazione. I tempi di somministrazione del farmaco in studio erano, pertanto, indipendenti dalla presentazione clinica e dalla conoscenza dell'anatomia coronarica.

Nel gruppo Prasugrel, i tempi di inizio del farmaco in studio dipendevano dalla presentazione clinica.
I pazienti con infarto STEMI [ infarto miocardico con sopraslivellamento ST ] hanno ricevuto Prasugrel il prima possibile dopo la randomizzazione ( cioè sono stati pretrattati ).
Nei pazienti con NSTE-ACS [ sindrome coronarica acuta senza sopraslivellamento del tratto ST ], la somministrazione della dose di carico di Prasugrel ha richiesto la conoscenza dell'anatomia coronarica.

L'endpoint composito primario di morte, infarto miocardico o ictus a 12 mesi si è verificato nel 9.3% dei pazienti nel gruppo Ticagrelor e nel 6.9% nel gruppo Prasugrel ( hazard ratio [ HR ] 1.36; intervallo di confidenza al 95% [ IC ] 1.09–1.70; p = 0.006 ).

L'incidenza dei singoli componenti dell'endpoint primario nei gruppi Ticagrelor e Prasugrel è stata del 4.5% contro il 3.7% per la mortalità, del 4.8% contro il 3.0% per l'infarto del miocardio e dell'1.1% contro l'1.0% per l'ictus.
La trombosi dello stent definita o probabile si è verificata nell'1.3% dei pazienti assegnati a Ticagrelor e nell'1.0% assegnato a Prasugrel e nella trombosi dello stent definita nell'1.1% rispetto allo 0.6% dei pazienti, rispettivamente.

L'aumento dell'efficacia anti-ischemica con Prasugrel non è stato accompagnato da un aumentato rischio di sanguinamento.
Il sanguinamento ( BARC [ Bleeding Academic Research Consortium ] classe da 3 a 5 ) è stato osservato nel 5.4% dei pazienti nel gruppo Ticagrelor e nel 4.8% dei pazienti nel gruppo Prasugrel ( HR 1.1; IC 95% 0.8-1.5; p = 0.46 ).

In questo studio clinico, multicentrico, randomizzato, avviato dallo sperimentatore, su pazienti con sindrome coronarica acuta sottoposti a trattamento invasivo, Prasugrel ha significativamente ridotto il tasso composito di morte, infarto del miocardio o ictus rispetto a Ticagrelor senza aumento del tasso di sanguinamento maggiore. ( Xagena2019 )

Fonte: Congresso della Società Europea di Cardiologia ( ESC ), 2019

Cardio2019 Farma2019


Indietro