Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

ESC 2019 - Riduzioni del colesterolo LDL con Inclisiran, un breve RNA interferente: risultati di ORION-11


La somministrazione sottocutanea di Inclisiran, un breve RNA interferente ( siRNA ) diretto contro la proproteina convertasi subtilisina / kexina di tipo 9 ( PCSK9 ), è stata associata a riduzioni sostanziali e sostenute di colesterolo LDL ( LDL-C ) nel corso dello studio di 18 mesi.

ORION-11 ha coinvolto 1.617 pazienti con malattia cardiovascolare aterosclerotica ( ASCVD ), o equivalenti di rischio ASCVD, e elevati valori di colesterolo LDL nonostante le statine alla dose massima tollerata ( con o senza Ezetimibe ).
I pazienti sono stati randomizzati a una iniezione sottocutanea di 300 mg di Inclisiran sodico, una seconda iniezione dopo tre mesi e successivamente iniezioni ogni sei mesi, oppure a iniezioni di placebo.
I livelli medi basali di colesterolo LDL erano 107 mg/dL nel braccio Inclisiran e 104 mg/dL nel braccio placebo.
La maggior parte dei pazienti ( 95% ) era in terapia con statina ( 95% in terapia con statina ad alta intensità ) e circa il 7% era in trattamento con Ezetimibe.

Per l'endpoint primario, sono state ottenute riduzioni di colesterolo LDL aggiustate per il placebo del 54% ( p inferiore a 0.00001 ) con iniezioni di Inclisiran due volte l'anno a 17 mesi.

Il tasso di eventi avversi è risultato simile tra i gruppi e gli effetti avversi localizzati nel sito di iniezione, che si sono verificati nel 4.7% dei pazienti con Inclisiran rispetto allo 0.5% con placebo, sono stati per lo più lievi e transitori.

Inoltre, le riduzioni marcate di colesterolo LDL con Inclisiran non erano accompagnate da alcun segno di tossicità epatica, renale, muscolare o piastrinica.
Una percentuale simile di pazienti trattati con Inclisiran e placebo ha manifestato gravi effetti avversi ( rispettivamente 22.3% vs 22.5% ) o mortalità per qualsiasi causa ( 1.7% vs 1.9% rispettivamente ).

Durante lo studio, l'endpoint cardiovascolare esplorativo ( morte cardiaca, segni o sintomi di arresto cardiaco, infarto miocardico non-fatale o ictus ) si è verificato nel 7.8% dei pazienti trattati con Inclisiran e nel 10.3% dei pazienti con placebo.

In conclusione, il vantaggio di Inclisiran consiste nel venir somministrato per iniezione sottocutanea due volte l'anno, mentre gli altri farmaci che riducono PCSK9 vengono iniettati ogni due settimane o mensilmente. Ciò può portare a una migliore aderenza e, potenzialmente, a migliori risultati. ( Xagena2019 )

Fonte: Congresso della Società Europea di Cardiologia ( ESC ), 2019

Cardio2019 Endo2019 Farma2019


Indietro