52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Effetto di una ridotta assunzione di sodio sulla salute


Una revisione sistematica e una meta-analisi hanno valutato l'effetto di una ridotta assunzione di sodio sulla pressione sanguigna, sulle malattie cardiovascolari correlate e i potenziali effetti negativi, come cambiamenti dei lipidi nel sangue, dei livelli di catecolamine e della funzione renale.

Sono stati selezionati studi randomizzati controllati e studi di coorte prospettici in adulti e bambini non-malati in modo acuto in cui sono stati valutati i rapporti tra l'apporto di sodio e la pressione arteriosa, la funzione renale, i lipidi nel sangue e i livelli di catecolamine, e negli adulti non in fase acuta la mortalità per tutte le cause, le malattie cardiovascolari, l’ictus e le malattie coronariche.

Sono stati inclusi 14 studi di coorte e 5 studi randomizzati controllati che riportavano la mortalità per tutte le cause, le malattie cardiovascolari, l’ictus o la malattia coronarica, e 37 studi randomizzati controllati con misurazioni di pressione arteriosa, funzione renale, lipidi nel sangue e livelli di catecolamine negli adulti.
Sono stati inclusi anche 9 studi controllati e 1 studio di coorte nei bambini con rilevazioni della pressione sanguigna.

Negli adulti una riduzione dell'apporto di sodio ha significativamente ridotto la pressione sistolica a riposo di 3.39 mmHg e la pressione diastolica a riposo di 1.54 mmHg.
Quando l'assunzione di sodio è stata minore di 2 g/die rispetto a maggiore o uguale a 2 g/die, la pressione sanguigna sistolica si è ridotta di 3.47 mmHg e la pressione sanguigna diastolica di 1.81 mmHg.

La diminuita assunzione di sodio non ha avuto alcun effetto negativo significativo sui lipidi del sangue, sui livelli di catecolamine, o sulla funzione renale negli adulti ( P maggiore di 0.05 ).

Gli studi randomizzati controllati erano insufficienti per valutare gli effetti della ridotta assunzione di sodio sulla mortalità e sulla morbilità.
Le associazioni in studi di coorte tra apporto di sodio e mortalità per tutte le cause, malattia cardiovascolare incidente fatale e non-fatale e malattia coronarica non sono state significative ( P maggiore di 0.05 ).

Una aumentata assunzione di sodio è stata associata a un aumentato rischio di ictus ( risk ratio, RR=1.24), mortalità per ictus ( RR=1.63 ) e mortalità per malattia coronarica ( RR=1.32 ).

Nei bambini, una riduzione della assunzione di sodio ha ridotto significativamente la pressione sistolica di 0.84 mmHg e la pressione diastolica di 0.87 mmHg.

Prove di alta qualità negli adulti non-malati in modo acuto hanno mostrato che una ridotta assunzione di sodio diminuisce la pressione sanguigna e non ha alcun effetto negativo sui lipidi del sangue, sui livelli di catecolamine, o sulla funzione renale e prove di qualità moderata nei bambini hanno mostrato che una riduzione dell'apporto di sodio riduce la pressione sanguigna.

Una inferiore assunzione di sodio è anche associata a un ridotto rischio di malattia coronarica e di ictus fatale negli adulti. La totalità delle evidenze ha indicato che la maggior parte delle persone probabilmente trarrebbe beneficio dal ridurre l'assunzione di sodio. ( Xagena2013 )

Aburto NJ et al, BMJ 2013; 346: f1326

Cardio2013 Endo2013 Farma2013


Indietro