Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Cardiobase
Xagena Mappa

Differenze sessuali in caratteristiche, esiti e risposta al trattamento con Dapagliflozin nell'intervallo della frazione di eiezione nei pazienti con insufficienza cardiaca: approfondimenti dagli studi DAPA-HF e DELIVER


Gli inibitori del cotrasportatore sodio-glucosio di tipo 2 ( SGLT2 ) si sono affermati come terapia farmacologica chiave nell'insufficienza cardiaca ( HF ) con frazione di eiezione ridotta e preservata.
Il beneficio di altre terapie per l’insufficienza cardiaca può essere modificato dal sesso, ma non è chiaro se il sesso modifichi l'effetto del trattamento e il profilo di sicurezza degli inibitori SGLT2.

E' stato valutato l'effetto del sesso sull'efficacia e sulla sicurezza di Dapagliflozin ( Forxiga ).

In un'analisi aggregata prespecificata a livello di paziente degli studi DAPA-HF ( Dapagliflozin and Prevention of Adverse Outcomes in Heart Failure ) e DELIVER ( Dapagliflozin Evaluation to Improve the Lives of Patients With Preserved Ejection Fraction Heart Failure ), gli esiti clinici sono stati confrontati per sesso ( inclusi il composito di morte cardiovascolare o peggioramento degli eventi di insufficienza cardiaca, morte cardiovascolare, morte per tutte le cause, eventi totali di primo e ricorrente ricovero per insufficienza cardiaca e morte cardiovascolare e punteggi KCCQ ( Kansas City Cardiomyopathy Questionnaire ) in tutto lo spettro della frazione di eiezione ventricolare sinistra ( FEVS ).

Su un totale di 11.007 pazienti randomizzati, 3.856 ( 35% ) erano donne. Le donne con insufficienza cardiaca erano più anziane e avevano un indice di massa corporea ( BMI ) più elevato, ma avevano meno probabilità di avere una storia di diabete e infarto del miocardio o ictus, e maggiori probabilità di avere ipertensione e fibrillazione atriale rispetto agli uomini.

Al basale, le donne avevano una frazione di eiezione più alta ma punteggi KCCQ peggiori rispetto agli uomini.

Dopo l'aggiustamento per le differenze al basale, le donne avevano meno probabilità degli uomini di andare incontro a morte cardiovascolare ( hazard ratio aggiustato, aHR 0.69 ), morte per tutte le cause ( aHR 0.69 ), ricoveri per insufficienza cardiaca ( aHR 0.82 ) ed eventi totali ( rate ratio aggiustato, aRR 0.77 ).

Dapagliflozin ha ridotto l'endpoint primario sia negli uomini che nelle donne in modo simile ( P interazione=0.77 ) senza differenze correlate al sesso negli esiti secondari ( tutti P interazione superiore a 0.35 ) o negli eventi di sicurezza.

Il beneficio di Dapagliflozin è stato osservato nell'intero spettro della frazione di eiezione e non è stato modificato dal sesso ( P interazione superiore a 0.40 ).
Non ci sono state differenze legate al sesso negli eventi avversi gravi, eventi avversi o interruzione del farmaco attribuibili a eventi avversi.

In DAPA-HF e DELIVER, la risposta a Dapagliflozin è risultata simile tra uomini e donne. Il sesso non ha modificato l'effetto del trattamento di Dapagliflozin nell'intervallo della frazione di eiezione. ( Xagena2023 )

Wang X et al, Circulation 2023; 147: 624-634

Cardio2023 Farma2023



Indietro