52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Dermabase.it

Aumento dei livelli urinari di Bisfenolo A correlato a maggiore rischio di malattia cardiaca


I soggetti con maggiori livelli urinari di Bisfenolo A ( BPA ) hanno un elevato rischio di malattia coronarica in età avanzata.

Ricercatori del Peninsula College of Medicine and Dentistry di Exeter ( Gran Bretagna ) avevano in precedenza identificato un collegamento tra Bisfenolo-A e malattia coronarica utilizzando due set di dati ottenuti dal National Health and Nutrition Survey.
Ora uno studio ha cercato di accertare come l'esposizione a sostanze chimiche possa incidere sulla salute.

Il Bisfenolo A è una delle sostanze chimiche con più alto volume di produzione ed è utilizzato nel policarbonato. La popolazione mondiale è esposta al BPA attraverso il cibo confezionato, l'acqua potabile, i sigillanti dentali, l'esposizione cutanea e l'inalazione di polveri in casa.

I ricercatori hanno confrontato il livelli al basale di Bisfenolo A urinario tra 758 persone che hanno avuto malattia coronarica incidente nel corso di un follow-up medio di 10.8 anni ( casi ) e 861 che sono rimasti liberi da coronaropatia, ictus e diabete mellito ( controlli ).

I risultati hanno rivelato che 108 controlli ( 12.5% ) avevano una concentrazione urinaria di Bisfenolo A di almeno 4 ng/mL rispetto a 126 casi ( 16.6% ).

Ogni aumento della deviazione standard nel Bisfenolo A urinario ( 4.56 ng/mL ) era associato a un rischio aumentato del 13% per malattia coronarica in modelli aggiustati per età, sesso, e creatinina urinaria ( p=0.017 ).

Dopo aggiustamento per i fattori di rischio di malattia coronarica, compresa l'istruzione, la classe sociale professionale, l'indice di massa corporea, la pressione arteriosa sistolica, la concentrazione dei lipidi e l'esercizio fisico, l'associazione tra BPA e il rischio di malattia coronarica è rimasto simile, con un odds ratio di 1.11, ma ha mancato di poco la significatività bilaterale ( p=0.058 ).

Stime simili di significatività al limite sono state trovate in analisi di sensibilità con un modello completamente aggiustato che ha escluso gli individui con malattia coronarica recente ( inferiore a 3 anni di follow-up ), indice di massa corporea superiore a 30 kg/m2, e anormale funzione renale ( creatinina sierica maggiore di 120 mmol/L ); così come un modello aggiustato ulteriormente per la concentrazione sierica di vitamina C inferiore a 23 nmol/L, concentrazione della proteina C-reattiva, e consumo di alcol al basale.

Si è sottolineato che l'entità dell'effetto di Bisfenolo A urinario sul rischio di malattia coronarica è difficile da stimare, dato che solo un campione di urina per ciascun partecipante era disponibile per il test all'inizio dei 10 anni di follow-up.

Quindi, anche se questo studio ha rafforzato il legame statistico tra Bisfenolo A e le malattie cardiache, non esiste la certezza che BPA sia direttamente responsabile.

Tuttavia, lo studio si aggiunge all'evidenza che il Bisfenolo A può fornire un contributo aggiuntivo al rischio di malattia cardiaca accanto ai principali fattori di rischio quali il fumo, la pressione alta e i livelli elevati di colesterolo. ( Xagena2012 )

Fonte: Circulation, 2012

Cardio2012



Indietro