52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Attività sessuale nei pazienti con specifiche patologie cardiovascolari: raccomandazioni


Raccomandazioni riguardo alla attività sessuale nei pazienti con specifiche patologie cardiovascolari:

Coronaropatia

L'attività sessuale è ragionevolmente praticabile dai pazienti con angina lieve o senza angina ( Classe IIa, livello di evidenza B ).

L'attività sessuale è ragionevolmente praticabile una o più settimane dopo infarto miocardico non-complicato se il paziente è senza sintomi cardiaci durante attività fisica lieve o moderata ( Classe IIa, livello di evidenza C ).

L'attività sessuale è ragionevolmente praticabile dai pazienti che si sono sottoposti a completa rivascolarizzazione coronarica ( Classe IIa, livello di Evidenza B ) e può essere ripresa

a) alcuni giorni dopo intervento coronarico percutaneo ( PCI ) se il sito di accesso vascolare è privo di complicazioni ( Classe IIa, livello di evidenza C ), oppure

b) da 6 a 8 settimane dopo l'intervento chirurgico standard di bypass coronarico ( CABG ), a condizione che la sternotomia sia guarita ( Classe IIa, livello di evidenza B ).

L'attività sessuale è ragionevolmente praticabile dai pazienti che hanno subito un intervento chirurgico non-coronarico a cuore aperto e può essere ripresa da 6 a 8 settimane dopo la procedura, a condizione che la sternotomia sia guarita ( Classe IIa, livello di evidenza C ).

Per i pazienti con incompleta rivascolarizzazione coronarica, può essere considerato il test da sforzo per valutare la portata e la gravità dell’ischemia residua ( Classe IIb, livello di evidenza C ).

L'attività sessuale deve essere posticipata dai pazienti con angina instabile o refrattaria fino a che la loro condizione sia stabilizzata e gestita in modo ottimale ( Classe III, Livello di evidenza C ).

Cardiopatia ischemica stabile

Per i pazienti con cardiopatia ischemica stabile, è opportuna la valutazione del loro rischio cardiovascolare prima di iniziare o riprendere l'attività sessuale. I pazienti con lieve angina stabile sono considerati a basso rischio di eventi cardiovascolari, mentre quelli con angina instabile o refrattaria sono considerati ad alto rischio.

Per i pazienti i cui sintomi sono intermedi o il cui rischio non può essere determinato al momento della valutazione iniziale, il test da sforzo può fornire una valutazione oggettiva della tolleranza e capacità allo sforzo, determinare se l'angina si verifica sotto sforzo ( e con che livello di sforzo ) e valutare la gravità della ischemia con l'attività fisica.

Precedente infarto miocardico

I pazienti con precedente infarto miocardico che sono asintomatici o senza ischemia con test da sforzo o che sono stati sottoposti a completa rivascolarizzazione coronarica sono a basso rischio di infarto miocardico coitale.

Prima che la terapia di riperfusione diventasse di routine, si raccomandava di evitare l'attività sessuale per 6 fino a 8 settimane dopo infarto miocardico. Nel 2005, la Conferenza di Princeton ha indicato che i pazienti post-infartuati sottoposti con successo a rivascolarizzazione coronarica o che avevano svolto un test su tapis roulant senza ischemia potevano riprendere l'attività sessuale da 3 a 4 settimane dopo l’evento infartuale.

Per contro, le lineeguida ACC / AHA per la gestione di pazienti con infarto del miocardio con sopraslivellamento ST del 2004 permettono l’attività sessuale sin dalla prima settimana dopo infarto miocardico nel paziente stabile. Poiché la partecipazione di pazienti stabili ai programmi di esercizio per la riabilitazione cardiaca una settimana dopo l’infarto miocardico si è dimostrata sicura, la ripresa dell'attività sessuale subito dopo un infarto miocardico semplice sembra ragionevolmente praticabile nei pazienti stabili che restano asintomatici con attività fisica da lieve a moderata ( ad esempio, 3-5 MET ).

Post-intervento coronarico percutaneo

Il rischio cardiovascolare di attività sessuale dopo intervento coronarico percutaneo ( PCI ) è probabilmente correlato a una adeguata rivascolarizzazione coronarica. I pazienti con rivascolarizzazione completa dovrebbero essere in grado di riprendere l'attività sessuale entro pochi giorni dall’intervento coronarico percutaneo, se non ci sono complicazioni legate all’accesso vascolare femorale.

I pazienti in cui vi è motivo di sospettare una complicanza vascolare devono essere sottoposti a una valutazione appropriata prima di riprendere l'attività sessuale. I pazienti che si sottopongono a intervento coronarico percutaneo con accesso radiale dovrebbero essere in grado di riprendere l'attività sessuale altrettanto rapidamente, se non prima, di quelli che si sottopongono a intervento coronarico percutaneo con accesso femorale. Nei pazienti con incompleta rivascolarizzazione coronarica, il test da sforzo può essere utile per valutare l'entità e la gravità dell’ischemia residua.

Post-bypass coronarico e procedure non-coronariche a cuore aperto

Il bypass coronarico ( CABG ) e molti altri interventi cardiaci ( ad esempio, riparazione / sostituzione delle valvole ) sono comunemente eseguiti attraverso una sternotomia mediana, con guarigione sternale tipicamente completa, o quasi, 8 settimane dopo l'intervento chirurgico.

Dato che l'attività sessuale può comportare un notevole stress sul petto e sulla respirazione generando elevate pressioni intratoraciche che potrebbero compromettere la guarigione della ferita sternale, si raccomanda generalmente che l'attività sessuale sia rimandata da 6 a 8 settimane dopo bypass coronarico e procedure non-coronariche a cuore aperto.

Per i pazienti che hanno subito un intervento chirurgico è consigliabile evitare posizioni che causino disagio o eccessivo stress sul sito chirurgico, in particolare nei primi mesi post-operatori. In tali pazienti sarebbe meglio reintrodurre in maniera graduale l’espressione di vigore fisico. Una volta raggiunto un efficace recupero dopo bypass coronarico, l'attività sessuale di solito riprende e la soddisfazione è solitamente mantenuta per molti pazienti.

La chirurgia cardiaca di accesso minimo che coinvolge una sternotomia nulla o limitata può consentire una ripresa più rapida della attività sessuale. Similmente, la chirurgia assistita da robot evita una sternotomia e permette un intervento chirurgico meno invasivo; i pazienti trattati con questa procedura possono essere in grado di riprendere l'attività sessuale prima di quelli sottoposti a sternotomia mediana.

Il bypass coronarico raggiunge di solito una rivascolarizzazione completa o quasi completa. Nei pazienti in cui vi sia motivo di credere che ci sia una significativa rivascolarizzazione incompleta ( o fallimento del trattamento ), i test di stress possono essere utili per valutare l'entità e la gravità della ischemia residua. ( Xagena2012 )

Levine GN et al, Circulation 2012; 125: 1058-1072

Cardio2012 Chiru2012



Indietro