Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Attività sessuale nei pazienti con malattie cardiache congenite: raccomandazioni


L'attività sessuale è ragionevolmente praticabile dalla maggior parte dei pazienti con malattie cardiache congenite che non sono scompensati o con insufficienza cardiaca avanzata, malattia valvolare grave e/o significativamente sintomatica, o aritmie non-controllate ( Classe IIa, Livello di evidenza C ).

Sono stati esaminati oltre 1 milione di pazienti con malattie cardiache congenite di età superiore a 21 anni negli Stati Uniti. I pazienti con malattia semplice, così come con patologia più complessa, sono a rischio di aritmie atriali e ventricolari, ischemia, e raramente ischemia coronarica. Ad oggi, però, sono segnalati solo rari decessi o ictus durante l'attività sessuale in questa popolazione.

In uno studio, il 9% delle donne con malattia coronarica ha riferito sintomi durante l'attività sessuale, compresa dispnea, percezione di aritmia, aumento della stanchezza, o sincope.

I sintomi sono stati più comuni nei pazienti con lesioni gravi, peggiore stato funzionale, o cianosi.

In un sondaggio tra uomini con malattia coronarica, il 9% ha riferito dispnea, il 9% aritmie soggettive e il 5% dolore al petto durante attività sessuale, con sintomi più comuni nei pazienti con maggiore compromissione funzionale ( classe NYHA III ).

Le linee guida pubblicate consentono attività fisica illimitata nei pazienti con malattia cardiaca congenita asintomatici con difetti atriali chiusi o piccoli o difetti del setto ventricolare, coartazione dell'aorta lieve, dotto arterioso non-pervio, e altri difetti congeniti lievi con normale volume cardiaco destro, senza ipertensione polmonare, e nessuna ostruzione significativa sul lato destro o sinistro del cuore.

Sulla base di queste raccomandazioni, l'attività sessuale sembra praticabile dalla maggior parte dei pazienti con malattia cardiaca congenita. I pazienti in cui la sicurezza della attività sessuale è meno certa o non chiara sono quelli con significativa ipertensione polmonare, cardiopatia cianotica, grave ostruzione del flusso cardiaco del lato sinistro, aritmie non-controllate, e anomalia coronarica tra l'arteria polmonare e l'aorta.

Per quanto riguarda la contraccezione e la gravidanza, uno studio su donne con lesioni da malattia cardiaca congenita associate ad alto rischio di complicazioni cardiovascolari legate alla gravidanza, ha mostrato che il 28% non utilizzava adeguati metodi di controllo delle nascite, il 20% ricorreva a metodi considerati controindicati per la loro condizione, il 43% non era stato consigliato per il metodo contraccettivo, e il 48% non era stato informato sui rischi connessi alla gravidanza. ( Xagena2012 )

Levine GN et al, Circulation 2012; 125: 1058-1072

Cardio2012



Indietro