52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
XagenaNewsletter

Attività sessuale nei pazienti con aritmie, pacemaker e defibrillatori cardioverter impiantabili: raccomandazioni


L'attività sessuale è ragionevolmente praticabile dai pazienti con fibrillazione atriale o flutter atriale e frequenza ventricolare ben controllata ( Classe IIa, livello di evidenza C ).

L'attività sessuale è ragionevolmente praticabile dai pazienti con una storia di tachicardia da rientro nel nodo atrioventricolare, tachicardia da rientro atrioventricolare, o tachicardia atriale con aritmie controllate ( Classe IIa, livello di evidenza C ).

L'attività sessuale è ragionevolmente praticabile dai pazienti con pacemaker ( Classe IIa, livello di evidenza C ).

L'attività sessuale è ragionevolmente praticabile dai pazienti con un defibrillatore cardioverter impiantabile ( ICD ) per la prevenzione primaria ( Classe IIa, livello di evidenza C ).

L'attività sessuale è ragionevolmente praticabile dai pazienti con un defibrillatore cardioverter impiantabile utilizzato per la prevenzione secondaria nei quali l’attività fisica moderata ( da 3 a 5 MET ) non aggrava drasticamente la tachicardia o la fibrillazione ventricolare e che non ricevono frequenti appropriati impulsi multipli ( Livello di evidenza C ).

L'attività sessuale dovrebbe essere posticipata dai pazienti con fibrillazione atriale e frequenza ventricolare scarsamente controllata, aritmie sopraventricolari non-controllate o sintomatiche, e tachicardia ventricolare spontanea o indotta da esercizio fisico fino a quando la condizione sia gestita in modo ottimale ( Classe III, livello di evidenza C ).

L'attività sessuale dovrebbe essere posticipata nei pazienti portatori di defibrillatore cardioverter impiantabile che hanno ricevuto impulsi multipli fino a quando l'aritmia causale sia stabilizzata e controllata in modo ottimale ( Classe III, livello di evidenza C ).

La morte improvvisa è un evento estremamente raro durante l'attività sessuale nella popolazione generale. Ci sono dati limitati sulla incidenza di aritmie indotte da attività sessuale in pazienti con una storia conosciuta di aritmia.
Il rischio di aritmia ventricolare durante l'attività sessuale in pazienti con malattie cardiovascolari, compresi quelli con un defibrillatore cardioverter impiantabile, non sembra essere superiore al rischio durante uno sforzo fisico paragonabile o test di sforzo.

Pertanto, si ritiene che i pazienti con aritmie considerate sicure che permettono di praticare attività sportive nel tempo libero o anche più impegnative sono in grado di praticare attività sessuali. Sono compresi pazienti con:

1) fibrillazione atriale o flutter atriale e una risposta ventricolare ben controllata;

2) una storia di tachicardia da rientro nel nodo atrioventricolare, tachicardia da rientro atrioventricolare, o tachicardia atriale con aritmie controllate;

3) un pacemaker;

4) un defibrillatore cardioverter impiantabile per la prevenzione primaria e che non hanno ricevuto appropriati impulsi multipli per l’aritmia del paziente;

5) un defibrillatore cardioverter impiantabile per la prevenzione secondaria in cui livelli comparabili di attività fisica non aggravano drasticamente la tachicardia ventricolare o la fibrillazione ventricolare e che non ricevono frequenti impulsi appropriati.

Nei pazienti che hanno ricevuto impulsi multipli da defibrillatore cardioverter impiantabile, è prudente, per prima cosa, stabilizzare e controllare in modo ottimale l'aritmia ( e la causa sottostante ) prima che il paziente si impegni in attività sessuali.
Una storia di impulsi multipli di per sé non è necessariamente una controindicazione per il paziente.

Come riportato, la presenza di un defibrillatore cardioverter impiantabile non è una controindicazione per l'attività sessuale, ed è possibile per la maggior parte dei pazienti, che lo portano, continuare a praticare l’attività sessuale.

Nel paziente con defibrillatore cardioverter impiantabile, l’ansia del partner e la paura di uno shock cardiaco con l'attività sessuale sono preoccupazioni importanti per il paziente e il/la partner. Di conseguenza, l'attività sessuale si riduce spesso dopo l’impianto di un defibrillatore cardioverter impiantabile.

Il partner sessuale non è ritenuto a rischio di defibrillazione se il defibrillatore cardioverter impiantabile scarica durante l'attività sessuale. Il test da sforzo può rassicurare il paziente e il partner sul fatto che difficilmente l'attività sessuale può far precipitare o esacerbare l'aritmia. ( Xagena2012 )

Levine GN et al, Circulation 2012; 125: 1058-1072

Cardio2012



Indietro