Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Cardiobase
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa

Associazione tra uso precoce dell'Aspirina e mortalità intraospedaliera nei pazienti con COVID-19 in forma moderata


Precedenti studi osservazionali hanno suggerito che l'uso dell'Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) può essere associato a una ridotta mortalità nei pazienti ospedalizzati ad alto rischio con COVID-19, ma l'efficacia dell'Aspirina nei pazienti con COVID-19 in forma moderata non è stata ben studiata.

L'obiettivo dello studio era valutare se l'uso precoce dell'Aspirina fosse associato a minori probabilità di mortalità intraospedaliera nei pazienti con forma moderata di COVID-19.

Lo studio di coorte osservazionale ha riguardato 112269 pazienti ospedalizzati con COVID-19 di grado moderato, arruolati nel periodo 2020-2021, in 64 sistemi sanitari negli Stati Uniti che partecipano alla coorte N3C ( National COVID Cohort Collaborative ) del National Institute of Health ( NIH ).

L'outcome primario era la mortalità intraospedaliera a 28 giorni e gli esiti secondari erano l'embolia polmonare e la trombosi venosa profonda.

Tra i 2446650 pazienti positivi al COVID-19 che sono stati sottoposti a screening, 189287 sono stati ricoverati in ospedale e 112269 sono stati arruolati nello studio.
Per l'intera coorte, l'età mediana era di 63 anni ( IQR, 47-74 anni ); il 16.1% dei pazienti era afroamericano, il 3.8% asiatico, il 52.7% bianco, il 5.0% di altre razze ed etnie, il 22.4% di razza ed etnia sconosciute.

La mortalità intraospedaliera si è verificata nel 10.9% dei pazienti. Dopo la ponderazione del trattamento con probabilità inversa, la mortalità intraospedaliera a 28 giorni è risultata significativamente più bassa in coloro che avevano ricevuto Aspirina ( 10.2% vs 11.8%; odds ratio [ OR ], 0.85; IC 95%, 0.79-0.92; P inferiore a 0.001 ).

Anche il tasso di embolia polmonare, ma non di trombosi venosa profonda, è risultato significativamente più basso nei pazienti che hanno ricevuto Aspirina ( 1.0% vs 1.4%; OR=0.71; IC 95%, 0.56-0.90; P = 0.004 ).

I pazienti che hanno ricevuto l'Aspirina precoce non hanno avuto tassi più elevati di emorragia gastrointestinale ( Aspirina: 0.8% vs 0.7% no-Aspirina; OR=1.04; IC 95%, 0.82-1.33; P = 0.72 ), emorragia cerebrale ( Aspirina: 0.6% vs 0,4% no-Aspirina; OR=1.32; IC 95%, 0.92-1.88; P = 0.13 ) o trasfusione di sangue ( Aspirina: 2.7% vs 2.3% no-Aspirina; OR=1.14; IC 95%, 0.99-1.32; P = 0.06 ).

Il composito delle complicanze emorragiche non si è verificato più spesso in coloro che hanno ricevuto Aspirina ( Aspirina: 3.7% vs 3.2% No-Aspirina; OR=1.13; IC 95%, 1.00-1.28; P = 0.054 ).

I sottogruppi che sembravano beneficiare maggiormente erano: i pazienti di età superiore a 60 anni ( 61-80 anni: OR=0.79; IC 95%, 0.72-0.87; P inferiore a 0.001; meno di 80 anni: OR=0.79; IC 95%, 0.69 -0.91; P minore di 0.001 ) e pazienti con comorbilità ( 1 comorbidità: 6,4% vs 9,2%; OR, 0,68; IC 95%, 0,55-0,83; P minore di 0,001; 2 comorbidità: 10.5% vs 12.8%; OR=0.80; IC 95%, 0.69-0.93; P = 0.003; 3 comorbidità: 13.8% vs 17.0%, OR=0.78; IC 95%, 0.68-0.89; P minore di 0.001; più di 3 comorbidità: 17.0% vs 21.6%; OR=0.74; IC 95%, 0.66-0.84; P minore di 0.001 ).

In conclusione, in questo studio di coorte su adulti statunitensi ricoverati in ospedale con forma moderata di COVID-19, l'uso precoce di Aspirina è risultato associato a probabilità minore di mortalità ospedaliera a 28 giorni.
È necessario uno studio clinico randomizzato che includa diversi pazienti con COVID-19 in forma moderata per valutare adeguatamente l'efficacia dell'Aspirina nei pazienti con condizioni ad alto rischio. ( Xagena2022 )

Chow JH et al, JAMA Netw Open 2022;5(3):e223890. doi:10.1001/jamanetworkopen.2022.3890

Inf2022 Cardio2022 Farma2022



Indietro