Cardiobase
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa

Artrite reumatoide: aumentato rischio di ospedalizzazione e di esacerbazione di insufficienza cardiaca con gli inibitori del TNF-alfa nei pazienti anziani


Sebbene gli antagonisti del TNF-alfa siano in grado di produrre benefici nel trattamento dell’artrite reumatoide, poco è noto riguardo agli effetti di questi farmaci sul rischio di insufficienza cardiaca nei pazienti con artrite reumatoide di età avanzata.

Ricercatori dell’Havard Medical School a Boston negli Stati Uniti, hanno studiato pazienti di età uguale o superiore a 65 anni, affetti da artrite reumatoide, trattati con un inibitore del TNF-alfa o con Metotrexato.

La coorte comprendeva 10.002 pazienti trattati con gli inibitori del TNF e 5.593 pazienti che avevano ricevuto Metotrexato.

I ricoveri ospedalieri per insufficienza cardiaca sono stati 59 per 1.680 persone-anno nel gruppo inibitori del TNF-alfa, e 227 per 10.623 persone-anno nel gruppo Metotrexato.
L’hazard ratio ( HR ) per l’ospedalizzazione a causa di insufficienza cardiaca è stato pari a 1.7 per gli inibitori del TNF versus il Metotrexato.
Tra i pazienti con precedente insufficienza cardiaca, l’hazard ratio per la mortalità è stato pari a 4.19.

Dallo studio è emerso che gli antagonisti del TNF-alfa possono aumentare il rischio sia di prima ospedalizzazione che di esacerbazione dell’insufficienza cardiaca nei pazienti anziani con artrite reumatoide. ( Xagena2008 )

Fonte: American Heart Journal, 2008


Reuma2008 Farma2008 Cardio2008


Indietro