Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Anticoagulanti orali ad azione diretta: Apixaban superiore a Dabigatran e Rivaroxaban in uno studio real-world


Apixaban è risultato superiore a due altri nuovi anticoagulanti orali non-antagonisti-della-vitamina K ( NOAC ) in un'ampia analisi di dati statunitensi finanziata dal produttore di Apixaban.

Nei pazienti con fibrillazione atriale non-valvolare, l'uso di Apixaban è risultato associato a un minore rischio di ictus / embolia sistemica, sanguinamento maggiore ed esiti clinici netti in confronto a Dabigatran e a Rivaroxaban.

Inoltre, Dabigatran è stato associato a minori rischi di sanguinamento maggiore ed esito clinico netto ( combinazione di ictus / embolia sistemica e sanguinamento maggiore ) rispetto a Rivaroxaban.

Sebbene lo studio, finanziato dal produttore di Apixaban, sia considerato il più grande confronto tra anticoagulanti orali non-antagonisti-della-vitamina K, sono necessari studi randomizzati e controllati per confermare i risultati.

In effetti, nessuna sperimentazione testa-a-testa ha confrontato i nuovi anticoagulanti orali non-antagonisti-della-vitamina K, che hanno dimostrato di essere altrettanto sicuri ed efficaci del Warfarin ( Coumadin ) per la prevenzione di ictus / embolia sistemica nei pazienti con fibrillazione atriale non-valvolare.

Diverse precedenti analisi osservazionali hanno esplorato le differenze tra questi nuovi anticoagulanti, ma hanno spesso fatto affidamento su singole fonti di dati.

Nell'attuale studio, chiamato ARISTOPHANES, sono state raggruppate cinque fonti di dati che coprivano più della metà della popolazione degli Stati Uniti, sfruttando un database Medicare e quattro database commerciali statunitensi per esaminare le prestazioni nel mondo reale di tre nuovi anticoagulanti orali non-antagonisti-della-vitamina K: Dabigatran ( Pradaxa ), Rivaroxaban ( Xarelto ) e Apixaban ( Eliquis ).

L'analisi ha riguardato 194.532 pazienti adulti con fibrillazione atriale, di cui il 53.2% trattato con Rivaroxaban, 32.6% con Apixaban, e il 14.2% con Dabigatran nel periodo 2013-2015.

Prima dell'aggiustamento, i pazienti trattati con Apixaban erano in media più anziani e presentavano punteggi CHA2DS2-VASc e HAS-BLED più alti rispetto a quelli trattati con gli altri anticoagulanti orali diretti.
Sono stati osservati più bassi tassi di ictus / embolia sistemica, sanguinamento maggiore ed esito clinico netto.

Grazie all'abbinamento per il punteggio di propensione, il confronto tra Apixaban e Dabigatran ha riguardato 27.096 coppie di pazienti, 62.219 il confronto tra Apixaban e Rivaroxaban e 27.538 il confronto tra Dabigatran e Rivaroxaban.

Per ictus / embolia sistemica, Apixaban è risultato associato a un rischio inferiore rispetto a Dabigatran ( 1.03% vs 1.42%, P=0.0003 ) e a Rivaroxaban ( 1.21% vs 1.42%, P=0.0038 ), mentre non è stata riscontrata alcuna differenza tra Dabigatran e Rivaroxaban ( 1.40% vs 1.23%; P=0.0792 ).

Il sanguinamento maggiore ha favorito anche Apixaban rispetto a Dabigatran ( 2.68% vs 3.30%; P=0.0001 ) o a Rivaroxaban ( 3.06% vs 5.33%; P inferiore a 0.0001 ), con Dabigatran che ha presentato un rischio inferiore rispetto a Rivaroxaban ( 3.28% vs 4.76%; P inferiore a 0.0001 ).
Lo stesso pattern di relazioni è stato osservato per l’esito clinico netto.

L'analisi è soggetta alle consuete limitazioni degli studi osservazionali, inclusa l'incapacità di stabilire la causalità, il potenziale di confondimento residuo e la mancanza di informazioni più dettagliate sui risultati di laboratorio e sui livelli dei biomarcatori. ( Xagena2018 )

Fonte: American College of Cardiology ( ACC ) Scientific Session, 2018

Cardio2018 Emo2018 Farma2018


Indietro