Cardiobase
Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

Anemia correlata a un maggiore rischio di mortalità nei pazienti con fibrillazione atriale


Uno studio osservazionale prospettico ha incluso 18.106 individui con fibrillazione atriale e misurazioni disponibili della concentrazione di emoglobina ( Hb ) al basale.
Tutti i dati sono stati presi dallo studio CAFR ( Chinese Atrial Fibrillation Registry Study ), e i pazienti sono stati arruolati nel periodo 2011-2018.

I partecipanti allo studio non presentavano anemia ( 86.2% ), anemia lieve ( 9.9% ) o anemia da moderata a grave ( 3.9% ).
I tre gruppi di anemia sono stati anche stratificati per sesso ( uomini versus donne ) per i livelli di emoglobina: nessuna anemia ( Hb: maggiore o uguale a 130 g/L; Hb: maggiore o uguale a 120 g/L ); anemia lieve ( intervallo di Hb: minore o uguale a 110 - maggiore di 129 g/L; intervallo di Hb: minore o uguale a 110 - minore di 119 g/L ); e anemia da moderata a grave ( Hb: minore o uguale a 109 g/L; Hb: minore o uguale a 109 g/L ), rispettivamente.

Tra i tre gruppi di anemia ( nessuna anemia, anemia lieve e anemia da moderata a grave ), l'incidenza di mortalità per malattia cardiovascolare ( 0.97, 2.85 e 4.47 per 100 persone-anno, rispettivamente ), la mortalità per qualsiasi causa ( 1.78, 4.86 e 8.90 rispettivamente per 100 anni persona ) e sanguinamenti maggiori ( 0.51, 0.62 e 0.71 per 100 anni persona, rispettivamente ) hanno rivelato associazioni significative tra anemia basale e aumento del rischio di mortalità per qualsiasi causa e mortalità cardiovascolare.

Rispetto ai pazienti senza anemia nel modello completamente aggiustato, il rischio di mortalità per qualsiasi causa nei pazienti con anemia lieve è stato 1.22 volte maggiore ( IC 95%, 1.08-1.38 ) e nei pazienti con anemia da moderata a grave era 1.53 volte maggiore ( IC 95%, 1.31-1.77 ).

Allo stesso modo, rispetto al gruppo senza anemia, il rischio di mortalità cardiovascolare è stato pari a 1.29 volte maggiore ( IC 95%, 1.10-1.52 ) e 1.27 volte maggiore ( IC 95%, 1.03-1.57 ) per i gruppi, rispettivamente, con anemia lieve e anemia da moderata a grave.

La correlazione tra anemia e mortalità per qualsiasi causa è persistita tra i sottogruppi classificati per terapia di ablazione, farmaci anticoagulanti, funzione renale e sesso.

Non è stata osservata alcuna associazione tra anemia e sanguinamento maggiore.

Questo studio presenta limitazioni: mancanza di registrazione durante il follow-up delle concentrazioni di emoglobina, mancanza di dati sulla causa dell'anemia, assenza della coorte di controllo di soggetti senza fibrillazione atriale età-correlata, e aumento del rischio di bias dovuto al disegno di studio prospettico osservazionale.

Lo studio ha rilevato che l'anemia nei pazienti con fibrillazione atriale era associata a un aumento del rischio di mortalità per tutte le cause e di mortalità cardiovascolare, ma non ha influito sul sanguinamento maggiore. ( Xagena2021 )

Fonte: Clinical Cardiology, 2021

Cardio2021 Emo2021



Indietro