Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Le bevande energetiche migliorano la funzione cardiaca


Una ricerca, compiuta da ricercatori dell’Università di Siena ( Italia ), ha evidenziato che il consumo di bevande energetiche può esercitare effetti positivi sulle prestazioni del miocardio.

La presenza di Caffeina e di Taurina nelle bevande energetiche ha sollevato timori per il pericolo di effetti negativi a livello miocardico. La Caffeina aumenta la pressione sanguigna, mentre la Taurina può stimolare il rilascio di calcio dal reticolo sarcoplasmatico.

E’ stato condotto uno studio con l’obiettivo di indagare sui possibili pericoli della assunzione di bevande energetiche.

I ricercatori hanno utilizzato l'ecocardiografia speckle-tracking, una tecnica di avanguardia in ecocardiografia, e l’analisi ecoDoppler per verificare l'influenza delle bevande energetiche sulla funzione cardiaca.

Allo studio hanno preso parte 35 soggetti sani ( età media: 25 anni ), che avevano bevuto una quantità indicizzata per area di superficie corporea di una bevanda energetica ( 168 ml/m2 ), contenente Caffeina e Taurina.

Le valutazioni della frequenza cardiaca, pressione arteriosa, funzione ventricolare sinistra e funzione del ventricolo destro sono state effettuate al basale e un'ora dopo il consumo.

Un’ora dopo aver assunto la bevanda energetica, la frequenza cardiaca è aumentata del 1.2% ( p=ns ), la pressione arteriosa sistolica è cresciuta del 2.6% ( p=ns ) e la pressione sanguigna diastolica è aumentata del 6% ( p= 0.02 ).

La funzione ventricolare sinistra è migliorata rispetto al basale; la frazione di eiezione è aumentata del 5% ( p=0.01 ), l’escursione sistolica del piano dell’anello mitralico ( MAPSE ) ( che valuta la funzione ventricolare longitudinale ) è aumentata del 11% ( p inferiore a 0.001 ), la deformazione longitudinale globale è cresciuta del 10% ( p=0.004 ), e la torsione ( torsione del ventricolo sinistro ) è aumentata del 22% ( p inferiore a 0.0001 ).

La funzione del ventricolo destro è risultata migliorata un'ora dopo che aver consumato bevande energetiche. La frazione di modificazione dell'area del ventricolo destro ( RVFAC ) è cresciuta del 2% ( p=0.09 ), l’escursione sistolica del piano dell'anello tricuspidale ( TAPSE ) è aumentata del 15% ( p inferiore a 0.0001 ), e lo strain longitudinale della parete libera e globale del ventricolo destro ( RVLS ) ( una misura di deformazione longitudinale del ventricolo destro ) è cresciuta dell'8% ( p=0.001 ) e del 5% ( p=0.1 ), rispettivamente.

Nel loro insieme questi risultati hanno mostrato che le bevande energetiche migliorano le contrazioni dei ventricoli sia il destro sia il sinistro, in modo da fornire un effetto positivo sulla funzione miocardica.
Questo può essere spiegato dall'effetto inotropo della Taurina, mediante stimolazione del rilascio di calcio dal reticolo sarcoplasmatico.

Lo studio è stato condotto su giovani soggetti sani a riposo.
I futuri studi dovranno verificare se questi benefici persistono dopo un lungo periodo di consumo di bevande energetiche, e quali sono gli effetti della assunzione di queste bevande durante l'attività fisica.
E’ inoltre importante definire quali effetti vengono indotti nei pazienti con malattia cardiaca. ( Xagena2012 )

Fonte: European Society of Cardiology ( ESC ) Meeting, 2012

Cardio2012



Indietro