Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Indicazioni della British Hypertension Society per il trattamento dell’ipertensione


Recenti studi clinici hanno mostrato come alcuni cambiamenti dello stile di vita possano abbassare la pressione sanguigna.

Pertanto i consigli su come modificare lo stile di vita dovrebbero essere utili a tutte le persone che soffrono di ipertensione e alle persone con una pressione sanguigna ai limiti del normale o tendenzialmente alta.

Tale approccio potrebbe ridurre l’ipertensione legata all’età e ridurre anche il numero di persone con pressione sanguigna alta da sottoporre a trattamento farmacologico.

Per i soggetti con grado lieve di ipertensione ( grado 1 ), senza complicanze cardiovascolari o danni ad organi bersaglio, i cambiamenti dello stile di vita dovrebbero essere valutati per un periodo fino a 6 mesi.

Per coloro che necessitano di una terapia farmacologia antipertensiva, i cambiamenti dello stile di vita dovrebbero essere raccomandati come complemento al trattamento con farmaci, per l’abbassamento dei valori pressori e per ridurre i dosaggi.

Uno stile di vita ottimale ( smettere di fumare, limitare l’assunzione di grassi totali o saturi, sostituendoli con grassi mono-insaturi , aumentare il consumo di pesce ) è in grado di ridurre il rischio di insorgenza di malattie cardiovascolari.

Riguardo ai farmaci antipertensivi la British Hypertension Society raccomanda l’applicazione dell’algoritmo AB/CD , dall’iniziale delle classi farmacologiche : A = Ace inibitori o antagonisti del recettore dell’angiotensina ; B = beta-bloccanti ; C = calcioantagonisti ; D = diuretici.

A partire dal 1999 sono state confrontate diverse classi di farmaci antipertensivi.

La Blood Pressure Lowering Trialists' Collaboration ha condotto due studi di meta-analisi sui farmaci che abbassano la pressione sanguigna.

Il primo studio ha messo a confronto l’efficacia delle nuove terapie farmacologiche, inibitori dell’enzima che converte l’angiotensina o bloccanti il canale del calcio ( calcioantagonisti ) , con la terapia convenzionale, basata sui diuretici o sui beta-bloccanti.
Questo studio ha concluso che le nuove terapie erano efficaci quanto la terapia convenzionale, ma non più efficaci , nella riduzione dell’incidenza di ictus , di morbilità o di mortalità dovuta a malattie coronariche, o di mortalità per tutte le cause.

La seconda meta-analisi ha fornito indicazioni simili a quelle della prima , senza alcuna significativa evidenza di benefici aggiuntivi , oltre alla riduzione della pressione , specifici per una classe di farmaci riguardo agli outcome cardiovascolari.

I calcioantagonisti potrebbero avere un minore effetto protettivo rispetto ad altri farmaci nello sviluppo di insufficienza cardiaca

I timori sulla sicurezza e sull’efficacia della terapia con calcioantagonisti nella prevenzione delle malattie cardiovascolari sono risultati infondati.

Gli antagonisti dei recettori dell’angiotensina sembrano avere maggiori benefici rispetto ai calcioantagonisti nella prevenzione dell’ictus.( Xagena2004 )

Williams B, et al, BMJ 2004, 328: 634-640



Cardio2004 Farma2004


Indietro