Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Fibrillazione atriale associata a maggiore declino cognitivo e funzionale in assenza di ictus


I pazienti con fibrillazione atriale hanno un aumentato rischio di declino cognitivo e funzionale, anche quando non hanno avuto un ictus.

I risultati dello studio dei ricercatori della McMaster University ( Hamilton, Ontario, Canada ) hanno dimostrato che la fibrillazione atriale è un forte predittore di declino cognitivo e di perdita di autonomia nelle attività quotidiane tra i pazienti con fibrillazione atriale.

I ricercatori hanno condotto un'analisi post-hoc degli studi ONTARGET e TRANSCEND condotti su 31.546 pazienti.

Nello studio si è valutata la funzione cognitiva dei partecipanti al basale e dopo 2 e 5 anni con il Mini-Mental State Examination ( MMSE ).

MMSE utilizza un sistema a punti per misurare 10 domini cognitivi, compresi il tempo di orientamento, l'attenzione e il calcolo, e la capacità di lettura. Il declino cognitivo è stato definito come una riduzione di 3 o più punti nel punteggio MMSE tra il basale e il follow-up.

Si è anche valutata la demenza incidente, la perdita di indipendenza auto-riferita nelle attività della vita quotidiana e la permanenza in strutture di assistenza a lunga degenza.

La demenza incidente è stata definita come una nuova diagnosi di demenza, riportata come una grave compromissione cognitiva, o un punteggio MMSE di 23 punti o inferiore durante il follow-up.

Al basale, l'età media dei partecipanti era di 66.5 anni e il punteggio MMSE medio era di 27.7.

Nel complesso, 1016 partecipanti ( 3.3% ) hanno presentato fibrillazione atriale, e ad altri 2052 partecipanti è stata diagnosticata la malattia durante un follow-up di 56 mesi.

I risultati hanno rivelato che l’esito composito per il declino cognitivo, la nuova diagnosi di demenza, l'ammissione in una struttura di assistenza a lunga degenza e la perdita di indipendenza nello svolgimento delle attività quotidiane si è verificato in 7269 pazienti senza fibrillazione atriale ( 26.1% ) e 1050 ( 34.2% ) tra quelli con fibrillazione atriale.

In un'analisi multivariata, la fibrillazione atriale è stata associata ad un rischio aumentato del 14% per il declino cognitivo, un rischio aumentato del 30% per nuova demenza, un rischio aumentato del 35% per la perdita di indipendenza nello svolgimento delle attività quotidiane, e un rischio aumentato del 53% per l'ammissione in un Centro di lunga degenza.

Questi risultati sono stati coerenti per i pazienti con fibrillazione atriale al basale e coloro che hanno sviluppato fibrillazione atriale durante il follow-up.
Inoltre, dalle analisi dei sottogruppi, è emerso che questi risultati sono stati differenti per i pazienti con e senza ictus.
Alla luce di questi dati c’è la necessità di includere misure cognitive e funzionali in studi clinici su pazienti con fibrillazione atriale. ( Xagena2012 )

Fonte: Canadian Medical Association Journal, 2012

Cardio2012 Neuro2012



Indietro