CardioPreventariab.it
ACC Meeting
Associazione Silvia Procopio

L’infezione da virus Zika associata a complicanze cardiovascolari


Il virus Zika può essere associato a complicazioni cardiovascolari.

La maggior parte delle persone infettate dal virus Zika presentano sintomi lievi o non-specifici, e i sintomi delle complicanze cardiovascolari, possono verificarsi in tempi successivi.

I medici della Mayo Clinic hanno arruolato nove pazienti ( età media, 47 anni; 6 donne ) che avevano manifestato sintomi cardiovascolari in uno studio osservazionale prospettico, da un focolaio infettivo in Venezuela.

I nove pazienti sono stati sottoposti a elettrocardiogramma compreso monitoraggio Holter, ecocardiogramma, e valutazioni mediante risonanza magnetica cardiaca.

Aritmie si sono verificate in otto pazienti, e hanno compreso: fibrillazione atriale acuta, fibrillazione atriale parossistica e persistente, tachicardia atriale non-sostenuta e aritmie ventricolari.

In sei pazienti, sono emersi sintomi di scompenso cardiaco ( 5 con frazione di eiezione ridotta e 1 con frazione di eiezione preservata, preeclampsia e versamento pericardico da moderato a grave ).

Sono necessari studi per definire l'incidenza di miocardite da virus Zika.

Il report ha fornito una chiara evidenza che esiste una relazione tra l'infezione da virus Zika e le complicanze cardiovascolari.
Sulla base di questi risultati iniziali, le persone devono essere consapevoli che se viaggiano o vivono in un luogo endemico per il virus Zika, e sviluppano eruzioni cutanee, febbre o congiuntivite, ed entro un breve lasso di tempo avvertono anche altri sintomi come stanchezza, mancanza di respiro o palpitazioni devono ricorrere a visita medica. ( Xagena2017 )

Fonte: American College of Cardiology ( ACC ) Meeting, 2017

Cardio2017 Inf2017



Indietro