American Heart Association
Associazione Silvia Procopio
ACC Meeting

L'allattamento al seno potrebbe ridurre l'infarto miocardico e il rischio di ictus nelle madri


I benefici per la salute a breve e lungo termine dell'allattamento al seno sono noti, ma una ricerca ha dimostrato che l'allattamento al seno può anche ridurre, nelle madri, il rischio di sviluppare un infarto del miocardio o un ictus nel corso della vita.

Un'analisi di dati provenienti da 289.573 donne in Cina ha evidenziato che coloro che hanno allattato i propri bambini avevano un rischio più basso di sviluppare malattie cardiache o ictus di circa il 10%.

Lo studio, pubblicato su JAHA ( Journal of the American Heart Association ), ha usato dati di donne dello studio China Kadoorie Biobank, che hanno fornito informazioni dettagliate sulla loro storia riproduttiva e sullo stile di vita.

Al basale nessuna donna arruolata nello studio presentava malattie cardiovascolari. Dopo otto anni di follow-up, ci sono stati 16.671 casi di malattia coronarica, che comprendevano anche l'infarto del miocardio, e 23.983 ictus.

Poiché si tratta di uno studio osservazionale, basato su informazioni auto-riportate, sono necessari ulteriori studi.
Ma secondo i ricercatori questi risultati dovrebbero incoraggiare l'allattamento al seno.

I benefici per la salute delle madri che allattano al seno possono essere spiegati con un reset più veloce del metabolismo della madre dopo la gravidanza.
La gravidanza modifica in modo sensibile il metabolismo della donna per il fatto che la madreè anche fonte energetica per la crescita del bambino e per l'allattamento quando il bambino è nato.
L'allattamento al seno potrebbe eliminare più rapidamente e più velocemente il grasso immagazzinato.

L'American Heart Association ( AHA ) raccomanda alle madri di allattare al seno per un anno.
Negli USA, l'Academy of Pediatrics consiglia un anno e in seguito per tutto il tempo che la madre e il bambino desiderano.
L'Organizzazione Mondiale della Sanità ( OMS ) raccomanda l'allattamento al seno fino a 2 anni di età o oltre.

Negli Stati Uniti, circa 8 madri su 10 iniziano l'allattamento al seno al momento della nascita, ma solo la metà di loro continua ad allattare al seno dopo sei mesi.
Meno di un terzo, il 31% delle madri allatta fino a 12 mesi.

In Occidente, le donne che allattano sono generalmente più benestanti e più inclini ad impegnarsi in altri comportamenti salutari.
In Cina, le donne più povere delle zone rurali hanno più probabilità di allattare al seno in misura maggiore rispetto alle loro controparti urbane più ricche.

Dallo studio è emerso:

Le madri che allattano al seno hanno un rischio inferiore del 9% di soffrire di malattie cardiache e un rischio di ictus inferiore dell'8% rispetto alle donne che non hanno mai allattato;

Tra le madri che hanno allattato un bambino per due anni o più, il rischio di malattie cardiovascolari è risultato inferiore del 18% e il rischio di ictus è stato del 17% inferiore rispetto alle madri che non hanno mai allattato;

Ogni ulteriore sei mesi di allattamento al bambino è risultato associato a un rischio inferiore del 4% di malattie cardiache e a un rischio di ictus inferiore del 3%,

Le donne nello studio hanno interrotto l'allattamento al seno per parecchi motivi: malattia, introduzione di alimenti solidi, scarsità percepita del latte materno e mancanza o inadeguatezza dei luoghi di allattamento sul posto di lavoro, in particolare nella Cina urbana. ( Xagena2017 )

Fonte: American Heart Association ( AHA ), 2017

Cardio2017 Gyne2017 Pedia2017



Indietro