Associazione Silvia Procopio
American Heart Association
ACC Meeting

I pazienti trattati con antiacidi PPI e antiaggreganti e sottoposti ad angioplastica coronarica presentano a 2 anni un più alto rischio di gravi eventi avversi cardiaci


I nuovi dati ottenuti dal Registro ADAPT-DES hanno mostrato che l'uso degli antiacidi noti come inibitori della pompa protonica ( PPI ) da parte dei pazienti sottoposti a intervento coronarico percutaneo ( PCI ) era associato a un maggiore rischio di eventi avversi 2 anni più tardi.

Nel 2009, l’Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA ( Food and Drug Administration ) aveva aggiornato la scheda tecnica di Clopidogrel ( Plavix ) sottolineando il pericolo di interazioni con l’uso concomitante di Omeprazolo, un inibitore della pompa protonica.
Due anni dopo, l'FDA aveva ritenuto opportuno aggiungere l’interazione con un altro inibitore della pompa protonica, Esomeprazolo.

Dei 8.582 pazienti arruolati nel Registro ADAPT-DES, 2.697 ( 31.4% ) erano in trattamento con un inibitore della pompa protonica al momento della procedura PCI.
I pazienti trattati con l’inibitore della pompa protonica erano più anziani, erano maggiormente di sesso femminile, presentavano un carico più elevato di malattie cardiovascolari, ed avevano una maggiore propensione a soffrire di ipertensione, diabete mellito, arteriopatia periferica e malattia renale cronica.

Dopo carico di Clopidogrel, i pazienti trattati con inibitori della pompa protonica hanno presentato un più alto valore medio di unità di reattività piastrinica ( PRU ) secondo il test VerifyNow P2Y12.
Avevano anche una maggiore propensione a soddisfare la definizione di alta reattività piastrinica, sia definita come valore PRU maggiore di 208 o maggiore o uguale a 230.
L’uso di antiacidi PPI era indipendentemente associato ad alta reattività piastrinica alla dimissione ospedaliera ( odds ratio aggiustato, aOR=1.38 ).

L’assunzione di un inibitore della pompa protonica al momento della rivascolarizzazione non ha avuto un impatto significativo sui risultati in ospedale, tra cui la mortalità, infarto miocardico, trombosi dello stent, e sanguinamento clinicamente rilevante.

Al momento della dimissione dall’ospedale al 25.2% dei pazienti è stato prescritto un antiacido PPI.
I pazienti dimessi con la prescrizione di un inibitore della pompa protonica sono andati incontro, a 2 anni, a più alti rischi di MACE ( eventi avversi cardiaci gravi, come morte cardiaca, infarto miocardico, trombosi dello stent, o rivascolarizzazione del vaso bersaglio [ TVR ] clinicamente guidata ). ( Xagena2015 )

Weisz G et al, Circ Cardiovasc Interv 2015;8:e001952

Cardio2015 Gastro2015 Farma2015


Indietro